H10 di Maria Paola Zedda


da un progetto di Andreana Notaro e Maria Paola Zedda

Interpretazione e regia: Maria Paola Zedda
Musiche: Aborym; Castle_01; SPK

Riflessione sulla capacità della danza di divenire atto performativo.
Lo scarno esserci.

Lo spettacolo consiste in un’azione estremamente  circoscritta.
Figure incastrate in un frame: due quadri, due celle di luce proiettata, fissa ritagliano azioni da un tempo indistinto, vuoto, senza finalità né proiezione.
Adolescenza.

H10-H11 birthday party è uno spettacolo sulla visione rubata ad un momento estremamente intimo, privato, chiuso al mondo e al tempo. Un atto solipsistico, che non porta verso alcun altrove.
Dilatazione di una crepa del linguaggio, dove il proprio nudo mette a nudo l’altro.

ZDDNTR è una formazione attiva dal 2004, che nasce da una tensione verso l’atto performativo puro. Dopo un primo percorso intrapreso nell’orizzonte concettuale e pratico della danza buto, la formazione,  composta da Andreana Notaro e Maria Paola Zedda, attua  una ricerca sul confine tra corpo ed immagine, che è intesa di volta in volta come fotogramma, frame, immagine-tempo, immagine-movimento. Attualmente, l’indagine si concentra sulla relazione tra Atto e  Visione. Senza negare il lavoro sul corpo, l’evento performativo mira ad unire il doppio livello della presenza fisica e dell’assenza, della distanza e della vicinanza, lavorando il corpo come un simulacro, e il tempo come una cellula chiusa.
Prove di Adolescenza pura.

SABATO 23 maggio –  C.S.O.A. FORTE PRENESTINO – ore 20 – TEATRO

This entry was posted in Approfondimenti LF_2009. Bookmark the permalink.